giovedì 18 gennaio 2007

1

Quilting mania

Questa settimana, dopo molto tempo mi trovo ad insegnare, nel negozio di Paola, patchwork, il mio primo AMORE!

In effetti ormai quasi 10 anni fa (il tempo passa in fretta e tra meno di un mese sono 32) avevo deciso che fosse giunta l’ora di abbandonare la versione illuminista di me per abbracciare una dimensione più ‘creativo-emotiva’ ed ero alla disperata ricerca di un hobby che mi permettesse di rilassarmi e di soddisfare la voglia di farmi qualcosa ESATTAMENTE A MODO MIO (io sono un po’ categorica e tendo a volere tutto ESATTAMENTE A MODO MIO).

Odiando profondamente il découpage (avere presente taglia/incolla…mi ricordava troppo l’informatica!) e desiderando qualcosa di pratico da fare nella mia ex piccolissima casa, ho optato per il patchwork perché le stoffe sono belle da vedere per i colori e i disegni, morbide da accarezzare e il risultato è qualcosa di caldo e soffice. Ho cominciato a tagliuzzare, cucire (rigorosamente a mano), abbellire, imbottire, ricamare e mi sono davvero appassionata…unico difetto è che per fare le COSE A MODO MIO ci vuole davvero tanto tempo e per fare una coperta alla fine ci metto 6 mesi!

Comunque sia poi le cose si sono evolute, è arrivata la pittura country e tutto il resto…ma il primo amore, un amore vero, non si scorda mai (come certi uomini!) e quindi ogni tanto cucio e confezione coperte copertine (tranne che per mio figlio) e ancora quando capita i piace insegnarlo perché credo che la pazienza e l’amore che ci si mettono per fare una coperta sia una cosa rara.

È buffo vedere che il patchwork piace davvero a molte categorie di persone: tra le mie ‘allieve’ ci sono ragazze di 20 anni e signore di 60 con gusti, desideri e aspettative molto differenti, con un concetto di bello molto personale ed è stimolante confrontarsi con loro, cercando di dar loro il meglio di te per soddisfare la loro creatività.


puoi anche leggere


1 commenti:

ferro 9:42 AM  

ma non scrivi più?